Tra i 100 e i 250 milioni di anni fa sotto la spinta del movimento delle placche tettoniche nasceva la catena montuosa Himalayana ed il fondo marino veniva inglobato da “onde” di roccia che, generando pressioni enormi, hanno permesso la formazione dei cristalli di sale …

La struttura di reticoli ionici, super compressi, ha acquisito caratteristiche di estrema compattezza (non si trovano singoli cristalli cubici nella massa) e di compenetrazione dei componenti, tanto che gli elementi chimici presenti hanno occupato ogni interstizio disponibile all’interno della struttura e non hanno formato depositi superficiali labili.

Così, nella soluzione idrosalina viene sprigionato tutto il patrimonio di informazioni energetiche presenti nel mare primigenio incontaminato, nel “brodo primordiale” in cui si è formata la vita. (Esperimenti di S. Miller: nella soluzione salina sottoposta a cariche elettriche, si formano in pochi giorni addensamenti di aminoacidi e altri composti organici).

 

Il sale alimentare himalayano, conosciuto più comunemente come Sale Rosa, viene estratto dalle miniere di sale di Khewra, nel Punjab pakistano. E’ un alimento particolarmente puro e nutritivo: non è contaminato dall’inquinamento ed è ricco di importanti oligo-elementi facilmente assimilabili dal nostro organismo grazie alle proprietà fisiche del minerale stesso, come è facilmente osservabile dalle immagini al microscopio sotto riportate:

Sale da tavola raffinato

Nel processo di raffinazione il sale viene destrutturato e ne risultano dei cristalli completamente isolati gli uni dagli altri, senza una struttura viva di supporto. Il nostro corpo non è in grado di metabolizzarli completamente e per farlo almeno in parte deve sacrificare grandi quantità di energia, perdendo importanti risorse vitali.

 

Sale marino

Questo tipo di sale presenta irregolari e isolati cristalli disconnessi dalla rete di elementi naturali e vivi che li circondano. Per questo motivo, anche se sono molti i minerali di vitale importanza che contiene, anche in questo caso il nostro organismo deve consumare molta energia per assimilarli.

 

 

Sale Rosa dell’Himalaya

L’ingrandimento al microscopio rivela una equilibrata e fine ramificazione, ombre e bordi grezzi. Il cristallo non è isolato dagli elementi minerali, ma è collegato a loro:  il suo contenuto di energia,  sotto forma di sali minerali, è equilibrato e può essere facilmente metabolizzato dall’organismoE’ un cristallo pieno di vita. Se assunto come alimento, ci permetterà di assimilare completamente gli oligominerali che contiene, con un guadagno netto di energia per il nostro corpo.

Quindi: quale sale sulle nostre tavole?

Non è un caso che tutti gli elementi naturali presenti nell’organismo umano si trovino anche nel sale. Senza sale la vita è impossibile: eppure oggi è diffusa la convinzione che il consumo di sale faccia male alla salute. Questo dipende dal fatto che il sale da cucina, prevalentemente cloruro di sodio, non ha più nulla a che vedere con l’elemento allo stato originario, ovvero con ciò che serve per vivere.

L’importanza del sale naturale per il mantenimento del nostro organismo diventa evidente se paragoniamo l’acqua del mare col nostro sangue. L’acqua di mare contiene infatti 84 elementi, gli stessi che sono contenuti nel nostro organismo e che sono anche vitali per lo stesso. Non è quindi per insaporire che dovremmo imparare ad assumere il sale, o almeno non solo, ma per le vibrazioni che esso contiene e che corrispondono a quelle del nostro corpo. Occorre per questo conoscere meglio questo alimento al quale si tende sempre a dare poca importanza, se non quando questo ci causa gravi patologie.

Solitamente il sale da cucina viene ripulito chimicamente e ridotto a cloruro di sodio. I minerali e gli oligo-elementi essenziali, considerati impurità, vengono così eliminati. Senza coagenti naturali (minerali/oligo-elementi scartati) che servono come equilibranti della sua struttura, il sale diviene così “aggressivo”, nel senso che cerca di unirsi a sostanze che gli ridiano questo equilibrio prezioso.

Nel corpo umano trova potassio, calcio, magnesio, ecc., che hanno emanazioni energetiche (onde elettromagnetiche con frequenze specifiche) in grado di favorire la stabilità energetica della sua struttura. Per evitare la sottrazione di elementi necessari al processo vitale, il nostro organismo cerca allora di eliminarlo, sovraffaticando così gli organi escretori. Quindi, cerca di isolare quello che non riesce ad espellere, circondando i cristalli con molecole d’acqua intercellulare (si calcola che occorrano circa 23 grammi d’acqua per ogni grammo di cloruro di sodio), che lo scompongono in ioni di cloro e sodio. Le cellule, private dell’acqua “di servizio”, perdono così energia e muoiono.

Questo spiega il senso di sete che danno i cibi salati: il nostro organismo “chiede aiuto”.

Meglio non consumare anche quei sali che sono “arricchiti”, ad esempio con iodio, fluoro, carbonato di calcio e magnesio, idrossido di alluminio, E535, E536, E540, E550, ecc. che aumentano maggiormente l’aggressività del sale stesso.

 

Il sale cristallino dell’Himalaya,

invece, non solo è un sale marino integrale privo di sostanze inquinanti e delle loro risonanze (si è formato ca. 250 milioni di anni fa!), ma le pressioni immense a cui è stato sottoposto (simili a quelle che nei composti di carbonio hanno formato i diamanti!) hanno anche mutato la sua struttura trasformandolo in cristallo.

Sia per ingestione che per contatto, il sale cristallino dell’Himalaya, è in grado di trasmetterci tutta la sua energia vitale e perfettamente assimilabile.

Le sue caratteristiche lo rendono completamente diverso dal sale marino: l’assunzione di questo sale tramite “soluzione idrosalina” può avere effetto equilibrante sugli acidi e alcali, può regolare la pressione del sangue, migliorare le affezioni della pelle, pulire l’intestino e depurare il corpo da accumuli tossinici.
Leggi qui come preparare la tua soluzione idrosalina.

Questo sale viene estratto manualmente e, successivamente, ogni cristallo viene lavato in acqua purissima di sorgente ed asciugato al sole.

Con un lavoro di grande impegno e pazienza, il cristallo di sale viene poi macinato a pietra e preparato per essere spedito.

 

Presso il centro Salbea puoi trovare un vasto assortimento di Sale Cristallino ad uso alimentare, in diverse granulazioni (fino, grosso, ciottoli), di diverse provenienze e caratteristiche (Rosa Himalayano, Blu di Persia, Viola Kala Namak Indiano) e oggetti da tavola (macina sale, grattugia, ampolle, insalatiera, piatto da cottura).