Questi cibi non devono mancare nella tua cucina perché non scadono mai: la lista completa

Con questi cibi sei sempre al sicuro perché non scadono praticamente mai: ecco perché non dovrebbero mai mai mancare nella tua cucina. 

Esistono alimenti che, a dispetto della comune percezione, non hanno una vera e propria data di scadenza. Questo articolo si propone di esplorare quali sono questi cibi e come possiamo conservarli al meglio per evitare sprechi inutili.

Questo cibo non scade mai dovresti sempre averlo in casa
Dovresti sempre avere in casa questi alimenti perché non scadono mai – Salbea.it / Credits: Canva.it

Spesso ci troviamo a interrogarci sulla commestibilità di un prodotto basandoci esclusivamente sulla sua data di scadenza. Tuttavia, è importante sapere che tale data non è sempre indicativa dello stato effettivo dell’alimento. Mentre alcuni prodotti devono essere consumati entro date precise per evitare rischi per la salute, altri possono sorprendentemente superare la loro “data limite” senza problemi.

Questi cibi non scadono mai

Per distinguere tra alimenti da consumarsi immediatamente dopo la loro data di scadenza e quelli che invece possono durare più a lungo, è fondamentale seguire alcune semplici istruzioni. Queste regole non solo ci aiuteranno a ridurre gli sprechi ma garantiranno anche la nostra sicurezza alimentare. La longevità di un alimento dipende in gran parte dal tipo di lavorazione subita prima del confezionamento.

Ad esempio, i salumi crudi hanno una vita breve rispetto ai salumi cotti che, grazie alla pastorizzazione, possono essere conservati per periodi più lunghi. Lo stesso vale per il latte fresco rispetto al latte UHT o le conserve sott’olio o sotto aceto. Inoltre, è utile distinguere tra il termine ultimo di consumo (TMC) e quello della data di scadenza (DS), soprattutto quando si tratta di prodotti ad alto rischio microbiologico come carne fresca o pesce.

Dispensa cibo, cosa non deve mancare mai: questi alimenti non scadono
Questo cibo non scade mai: ecco perché – Salbea.it / Credits: Canva.it

Una corretta conservazione può significativamente allungare la vita dei nostri alimenti. Per esempio, mantenendo i prodotti refrigerati correttamente (tra 0°C e +4°C) possiamo rallentare lo sviluppo dei batteri su carni fresche e pesce. È anche importante capire le indicazioni fornite sulle etichette dei prodotti stabili: il termine minimo di conservazione (TMC) anziché quello del consumo preferenziale (CP) ci informa che l’alimento può essere consumato anche oltre quella data senza rischi per la salute.

Infine, se ci ritroviamo con ingredienti prossimi alla scadenza nel nostro frigorifero, possiamo adottare un approccio creativo seguendo tre semplici passaggi: raccogliere gli ingredienti destinati allo spreco; prepararne un piatto caldo; servirlo ai nostri ospiti con orgoglio. Questo metodo non solo previene lo spreco ma trasforma potenziali rifiuti in una gustosa soluzione culinaria.

Attraverso queste pratiche consapevoli possiamo contribuire significativamente alla riduzione degli sprechi alimentari mantenendo al contempo uno stile di vita sano e sicuro.

Impostazioni privacy