Cosa accade al nostro corpo quando bevi una Red Bull: tutti gli effetti sul nostro organismo

Vi siete mai chiesti cosa accade quando bevete una Red Bull? Tutti gli effetti che si scatenano nel nostro organismo, sia positivi che negativi.

La bevanda è stata spesso criticata, anche se continua a essere consumata da moltissime persone in tutto il mondo e non solo nel nostro paese.

Red Bull cosa dice?
Red Bull, effetti sull’organismo (Facebook RedBull)

Andiamo ad analizzare tutto più da vicino.

Cosa accade quando bevi una Red Bull

Dopo soli dieci minuti dall’ingestione di una Red Bull, la caffeina inizia a circolare nel sangue, portando a un incremento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna. Questo rapido cambiamento fisiologico è il primo segnale tangibile dell’azione stimolante della bevanda sul corpo.

Tra i 15 e i 45 minuti dopo l’assunzione, si raggiunge il picco di concentrazione di caffeina nel sangue. È in questo intervallo temporale che si manifestano gli effetti più noti ed apprezzati dagli amanti degli energy drink: un sensibile miglioramento nella capacità di concentrazione, nella prontezza dei riflessi e in generale un aumento dello stato di allerta mentale.

Dopo circa 30-50 minuti dall’ingestione, l’organismo completa l’assorbimento della caffeina. Il fegato reagisce lavorando per smaltire la grande quantità di zuccheri introdotti con la bevanda. Circa un’ora dopo l’assunzione, si verifica quindi un calo dei livelli di zucchero nel sangue che porta a una riduzione dell’energia disponibile e alla sensazione di stanchezza.

Interessante è notare come il corpo impieghi dalle 5 alle 6 ore per ridurre del 50% la concentrazione ematica di caffeina. Questo processo può rallentare ulteriormente nelle donne che assumono la pillola anticoncezionale, necessitando del doppio del tempo per smaltire lo stesso quantitativo.

red bull assunzione
Red Bull, cosa accade quando l’assumi (Facebook RedBull)

Dopo circa 12 ore dalla sua assunzione, molti individui sono in grado di eliminare completamente la caffeina dal proprio organismo. Tuttavia, chi consuma abitualmente caffeine può sperimentare sintomi da astinenza nelle prime 12-24 ore successive all’ultima dose consumata. Tra questi sintomi figurano mal di testa, irritabilità e costipazione.

Tra i 7 ai 12 giorni dall’inizio dell’utilizzo regolare delle bevande contenenti caffeina come la Red Bull, il corpo tende ad abituarsi ai suoi effetti stimolanti sviluppando una forma leggera ma tangibile dipendenza da questa sostanza.

Rischi associati al consumo frequente

Nonostante gli effetti positivi brevemente descritti sopra possano sembrare allettanti per chi cerca uno stimolo immediato alla propria energia mentale o fisica, è importante considerare anche i rischi associati al consumo frequente o elevato delle bevande energizzanti come Red Bull. Stuart Ferryman evidenzia soprattutto le preoccupazioni legate all’elevato contenuto zuccherino ed all’acidità (pH simile a quello dell’aceto) che possono avere ripercussioni negative sulla salute dentale causando erosioni dello smalto o carie.

Inoltre, quando queste bevande vengono miscelate con alcolici possono mascherarne gli effetti depressivi portando a un senso ingannevole d’euforia che potrebbe indurre comportamenti rischiosi dovuti alla sottovalutazione dello stato d’intossicazione etilica realmente raggiunto.

La presenza massiccia non solo della già citata caffeina ma anche della taurine negli energy drink suscita dibattiti tra gli esperti sulla loro sicurezza a lungo termine. Sebbene alcuni studi suggeriscano benefici derivanti dall’integrazione con taurine specialmente in ambito sportivo grazie alle sue proprietà antiossidanti ed alla capacità d’influenzare positivamente alcuni processi metabolici ed energetici muscolari; altri mettono in guardia contro possibili rischi derivanti dal suo uso combinato con alte dosi decaffeinate.

L’utilizzo moderato degli ingredienti contenuti nella Red Bull non sembra provocare dannosi effetti collaterali irreversibili; tuttavia è fondamentale ricordarsi dei potenziali rischi associati ad un loro consumo esagerato o combinato impropriamente con altre sostanze quali farmaci o alcool.

In definitiva mentre occasionalmente concedersi una Red Bull può apparire innocuo se non addirittura utile sotto specifiche circostanze (come durante lunghi periodidi studio o lavoro), è essenziale mantenere sempre presente il principio secondo cui “il troppo stroppia”, soprattutto quando si parla d’integratori alimentari ed energizzanti.

Impostazioni privacy