Sanità, visite ed esami rimandati di mesi? Fai valere i tuoi diritti: così puoi far rispettare i tempi giusti

Cosa puoi fare quando le visite o gli esami vengono rimandati di mesi? Ecco come puoi rivalerti contro la cattiva Sanità.

La sanità pubblica rappresenta uno dei pilastri fondamentali del benessere collettivo in Italia, tuttavia, si trova ad affrontare una crisi profonda causata da inefficienze strutturali che si riflettono negativamente sulla salute dei cittadini.

Sanità visite ed esami rimandati, cosa fare
Come far valere i propri diritti se ti rimandano una visita o un esame della Sanità – Salbea.it / Credits: Canva.it

Tra le problematiche più pressanti vi sono le lunghe attese per visite ed esami medici, un ostacolo che sembra insormontabile per molti.

Sanità, visite ed esami rimandate: come puoi far rispettare i tempi giusti

Secondo recenti indagini, l’81% degli italiani ha sperimentato difficoltà nel prenotare visite ed esami attraverso il Servizio Sanitario Nazionale a causa di liste d’attesa eccessivamente lunghe. Questa situazione costringe il 65% dei pazienti a rivolgersi al settore privato, con un notevole impatto economico sulle loro finanze personali. Peggio ancora, il 5% della popolazione è costretto a rinunciare alle cure necessarie. Questa realtà evidenzia la necessità urgente di trovare soluzioni efficaci per garantire l’accesso tempestivo alle prestazioni sanitarie.

Fortunatamente, esistono meccanismi legali che i cittadini possono attivare per far valere i propri diritti alla salute nei tempi previsti dalla legge. È possibile scrivere agli enti competenti richiedendo che vengano rispettati i termini stabiliti per le prestazioni sanitarie. In caso di mancato rispetto di questi termini, gli enti sono tenuti a fornire alternative, come la possibilità di accedere a servizi privati pagando solamente il ticket sanitario.

Sanità visite ed esami, cosa fare se le rimandano
Sanità, come far rispettare i tempi per le visite ed esami – Salbea.it / Credits: Canva.it

Per facilitare questo processo burocratico e assicurarsi che ogni richiesta sia formulata correttamente e inviata agli enti giudiziari appropriati, sono state predisposte delle lettere tipo da compilare con i dettagli specifici del proprio caso. Queste lettere includono tutti i riferimenti normativi necessari e gli indirizzi email delle ASL regionali dove inviare la propria richiesta.

Le circostanze in cui è possibile avanzare una tale richiesta sono principalmente tre:

  • Attese eccessive per visite ed esami: si applica sia ai controllori periodici sia ai cosiddetti primissimi accessori o prime visite; in questi casi ci sono tempistiche precise indicate sulla ricetta medica.
  • Attese per ricoveri programmabili: riguarda situazioni non urgenti ma comunque importanti come operazioni chirurgiche pianificate in anticipo; anche qui esistono classificazioni prioritarie con relative tempistiche.
  • Agende chiuse: situazioni in cui non è possibile nemmeno prenotare una visita o un esame perché viene comunicato che non ci sono date disponibili, questa pratica è tecnicamente vietata ma purtroppo ancora diffusa.

Attraverso queste modalità è anche possibile chiedere informazioni riguardanti la propria posizione nella lista d’attesa e ottenere così maggiore trasparenza sul processo. Affrontare il problema delle lunghe attese nel sistema sanitario nazionale richiede un approccio proattivo da parte dei cittadini informati sui loro diritti e sui mezzi legali disponibili per farli valere. La conoscenza e l’utilizzo consapevole degli strumenti messi a disposizione possono contribuire significativamente alla riduzione dell’impatto negativo causato dalle inefficienze strutturali della sanità pubblica italiana sulla vita quotidiana degli individui.

Impostazioni privacy